Esistono specifiche normative che regolano l'utilizzo dei fitofarmaci in ambiente urbano. Questo per garantirne una maggiore efficacia ma anche per evitare che queste molecole contribuiscano alla creazione di super insetti. Come accade infatti nel caso dell'utilizzo di antibiotici o prodotti antibatterici, il cui impiego indiscriminato rende inefficace l'azione del farmaco o crea negli ambienti sterili dei super virus di praticamente impossibile eliminazione, l'uso non razionale di questi prodotti seleziona nel tempo un insetto praticamente non più debellabile, e contestualmente produce l'eliminazione degli insetti utili, solitamente più vulnerabili degli insetti dannosi per l'uomo.
Occorre infine ricordare come queste molecole chimiche abbiano effetti nefasti sull'uomo, sugli animali domestici e sull'ambiente.
Proprio per questo motivo il Servizio verde del Comune di Carpi ha intrapreso fin dal lontano 1987 un progetto di verifica, controllo e limitazione delle infestazioni delle alberature pubbliche attraverso l'applicazione dei principi della lotta biologica, ottenendo ottimi risultati.
Preme perciò evidenziare la valenza sul territorio regionale di una legge che vieta qualsiasi trattamento sulle piante in fioritura per evitare qualsiasi effetto dannoso o limitativo della presenza degli insetti pronubi (come ad esempio le api), quegli insetti cioè che con la loro presenza rendono possibile l'impollinazione contribuendo fattivamente con la loro azione benefica alla presenza dell'uomo sul pianeta Terra.
In allegato, si propongono gli articoli specifici su tali tematiche, estratti dalla Legge Regionale di tutela.

Legge Regionale 25 agosto 1988 N. 35
Tutela e sviluppo dell'apicoltura

ARTICOLO 1 Finalità
Con la presente legge la Regione Emilia - Romagna si propone di tutelare il patrimonio apistico, favorendone il potenziamento e il miglioramento. Assume inoltre iniziative a tutelare e valorizzare l'apicoltura. 2. L'apicoltura è attività agricola e si inquadra nell'economia agricola regionale contribuendo alla conservazione dell'ambiente.

ARTICOLO 15 Tutela delle api da sostanze tossiche
1. Al fine di salvaguardare l'azione pronuba delle api sono vietati i trattamenti con insetticidi, acaricidi e con altri presidi sanitari o comunque tossici per le api, sulle colture ortofrutticole, viticole, sementiere, floricole e ornamentali, durante il periodo di fioritura, dalla schiusura dei petali alla caduta degli stessi.

Per ulteriori informazioni, si consiglia la visione di alcuni interessanti siti specifici
www.mondoapi.it/
www.arsia.toscana.it/api/pages/main1.html

CEAS

logo CEAS

Il Centro di Educazione Ambientale dei Comuni di Carpi-Novi-Soliera propone un servizio permanente dedicato all'Educazione Ambientale, intesa sempre più come un'educazione al futuro e al cambiamento consapevole. Il servizio, rivolto non solo alle scuole, ma anche ai cittadini, alle associazioni e alle aziende, si esplica attraverso diverse tipologie di interventi.
Per saperne di più visita la sezione dedicata al CEAS